LE AUTO DELL’AVVOCATO

Una mostra che  racconta le vetture più amate di Gianni  Agnelli

RACHELE PANZETTI – 09.04.2013

La Fiat 130 di Gianni Agnelli con portasci in vimini.TORINO – Con una mostra , «Le auto dell'Avvocato» interamente dedicata alle auto che l’Avvocato amava di più, a dieci anni dalla sua dipartita, il presidente del Museo Nazionale dell’Automobile di Torino Benedetto Camerana ha voluto così rendergli omaggio. È stata inaugurata il 12 marzo, giorno in cui avrebbe compiuto 92 anni.

Il Museo Nazionale dell’Automobile di Torino  ha superato i 250 mila visitatori dalla riapertura al pubblico nel 2011 fino allo scorso mese, confermando  il continuo interesse da parte del  pubblico italiano e internazionale alla storia dell’automobile.  Per quattro  anni la realtà museale  è rimasta  infatti chiusa per lavori di ristrutturazione dell’edificio, progettati da Cino Zucchi, e  di innovazione  dell’area espositiva firmata da François Confino.

Negli spazi del Mauto nasce la prima mostra, «Le Auto dell’Avvocato»: un’esposizione di modelli di automobili personalizzate a  livello sia estetico sia  funzionale, secondo la sensibilità dell’Avvocato torinese. Un viaggio che conduce  nell’essenza del design automobilistico italiano del Novecento.

Il percorso  si snoda lungo tre  differenti aree nelle quali  i visitatori  troveranno l'ausilio di   pannelli descrittivi e materiale multimediale. Nella prima si  ripercorrono le fasi della storia della Fiat. Nella seconda sono esposte le auto personali dell’Avvocato, una selezione di dieci vetture personalizzate su ordine dell’allora  presidente: una Lancia Thema S.W. Zagato, una Fiat Panda Rock Moretti, una Lancia K Limousine, una Fiat 130 Shooting Brake Maremma, una Fiat 130 Familiare, una Fiat Croma, una Ferrari 360 Speedway, una Lancia Delta Spider Integrale, una Fiat Multipla mare e la sua favorita, la famosa Fiat 125 del 1967 con motore di 1600 cmc da 90 cavalli. Infine  nella terza area si trovano alcuni progetti di vetture personalizzate  che mettono in luce l’esperienza di Giovanni Agnelli e l’attività svolta negli ultimi dieci  anni all’interno del Gruppo Fiat. È lo spazio del Tailor Made applicato all’automotive.

Coloro che visiteranno la mostra potranno entrare a contatto con il lato più creativo di Giovanni Agnelli, un uomo che amava guidare le auto, soprattutto quelle che si faceva personalizzare nello stile, nei colori e nelle combinazioni di materiali e nei motori, come afferma  suo nipote Lapo Elkann.

Nell'occasione della mostra  visitabile fino al  2 giugno si potrà anche ammirare la concept car presentata di recente  al Salone  internazionale di Ginevra, la nuova berlina sportiva  "Gloria", un progetto di tesi del Master of Arts in Transportation Design - Ied Torino, in collaborazione con Alfa Romeo.

 

Per info:  Museo Nazionale dell’Automobile “Avv. Giovanni Agnelli”, Corso Unità d’Italia, 40 –Torino - tel. 011 677666/7/8 fax 011677666 e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e web www.museoauto.it.  Il museo apre il lunedì dalle 10 alle 14, il martedì dalle 14 alle 19, mercoledì, giovedì e domenica dalle 10 alle 19, venerdì e sabato dalle 10 alle 21.

©riproduzione riservata

----------------------------

Fotogallery di © Carlo Cretella - 22 Marzo 2013

Tutte le immagini sono coperte da Copyright, i diritti sono riservati ed è vietata la riproduzione totale o parziale, salvo che non sia data specifica autorizzazione scritta congiunta da "ilvideogiornale.it" e dall'autore. Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Any reproduction, modification, publication, transmission, transfer, or exploitation of any of the content, for personal or commercial use, whether in whole or in part, without written permission from myself is prohibited. © All rights reserved.

NB. - Le immagini che seguono, sono suddivise in 2 gruppi, e ottimizzate per una visione con risoluzione di 1024 x 768 px

Sei qui: Home REPORTAGE & TESTIMONIANZE REPORTAGE LE AUTO DELL’AVVOCATO